17/05/2019

CNU 2019, Giorno 1: Pugilato protagonista

Il primo giorno a L’Aquila dei Campionati Nazionali Universitari ruota interamente intorno alla palestra Patini, teatro delle qualificazioni del pugilato maschile. Quattro gli atleti schierati da CUS Milano negli incontri che valgono l’accesso alle semifinali.

Il primo a salire sull’arena è Valerio Armani, categoria 60 Kg. Studente all’Università degli Studi di Milano, quella ai CNU è per Valerio la prima esperienza in fatto di tornei dopo tanta attività ordinaria. All’angolo opposto c’è Matteo Impieri con i colori del CUS Torino. Per Armani l’incontro non è dei più facili sin dalla prima ripresa: “il mio avversario era veramente bravo e ben preparato dal punto di vista atletico”. In definitiva la qualificazione va con merito ad Impieri.

Il successo arriva alla seconda occasione. Protagonista: Alessio Cavassi, categoria 64 Kg. Fra lui e le semifinali c’è Francesco Pagani del CUS Perugia. Probabilmente il tipo di avversario più difficile che potesse capitarmi - racconta Cavassi a fine incontro – attaccava molto e non faceva un passo indietro. Questo atteggiamento non mi ha consentito una boxe elegante. La prima ripresa l’ho vinta con margine, la seconda eravamo in pari, la terza me l’hanno data i giudici. Come accade spesso la grande difficoltà è stata l’idratazione: prima della pesa non bisogna fare passi falsi e dopo recuperare non è facile, all’inizio della seconda ripresa ho sentito la mancanza di liquidi”. Cavassi fa meglio del suo avversario quanto basta per vincere, consapevole del fatto che quando si ha un incontro al giorno bisogna riuscire a regolare lo sforzo: “bisogna stare attenti ai colpi che si prendono, avere l’occhio lungo in vista degli incontri futuri”.

Elia Capelli, categoria 81 Kg, si gioca il passaggio del turno contro Gino Chillè del CUS Messina. I due usano parte della prima ripresa per studiarsi, dopo di che Capelli porta a segno qualche colpo. Chillè non lascia però spazio: prende le redini del match e viene valutato al massimo dai giudici. Confronto perso, ma a testa alta.

Ultimo della giornata a salire sul ring è Daniele Regi, categoria 81 Kg, per il difficilissimo incontro con Vincenzo Lizzi, rappresentante per CUS Napoli che vanta già diversi successi ed è forse l’avversario più difficile incontrato da un verdeblù nel corso della giornata. Regi tiene testa per le prime due riprese, ma Linzi ha la meglio.

Il bilancio del tecnico Mario Bambini a fine giornata è positivo: “una buona giornata, considerato che nell’ultimo match Regi è riuscito a dare testa ad un pugile superiore. Domani abbiamo Lisa Trapanese, Alessandro Cavassi, Andrea Hoz e Palloni in corsa. La medaglia arriverà. Come prestazioni stiamo crescendo”.

Domani, Sabato 18 Maggio, in mattinata Judo, Taekwondo e Lotta. Nel pomeriggio la prima parte delle attesissime gare di Atletica leggera.