CMU16_17, calcio a 5: la Bocconi ci crede fino all'ultimo, ma in semi ci va Bicocca

di Mario Rizzitelli
foto di Simona Bruno

Università Bocconi - Università Bicocca 5-7 (3-3)

Reti: p.t.: Dinatale, Marker, Palopoli, Guerzoni, Palopoli, Pessina s.t.: Branz, Dinatale, Pessina, Dinatale, Palopoli, Dinatale

Bocconi: Grasso, Grignani, Branz, Marker, Pessina, Raffaelli, Scalco, Montalbano, Fraioli, Guerzoni(C), Huang, Kellerwessel; All. Anna Manfrin, Roberto Matteucci

Bicocca: Anelli, Brambilla, Dinatale, Gabba, Lofoco, Palopoli, Pozzi(C); All. Roberto Marchesi

 

In una serata primaverile al C.S. Giuriati, il calcio a 5 femminile dei CMU ha dato il meglio di sé: il quarto di finale dei playoff tra le due "B" ha dato vita ad una partita vibrante, tra due compagini affiatate e ben allenate, dall'esito incerto fino a pochi secondi dal fischio finale. Alla fine il campo ha detto Bicocca, che ora si giocherà con la Cattolica il posto da sfidante della prima della classe Statale nella finalissima del campionato. La squadra allenata da Roberto Marchesi, che nel primo tempo ha attuato la tattica del portiere "volante" e ha dovuto fare i conti con una rosa ridotta all'osso, ha prevalso per 7-5, ma le arancioni sono state per diversi tratti padrone del gioco e molto vicine al doppio vantaggio nel secondo tempo.

CRONACA

1° tempo: partenza a dir poco aggressiva delle ragazze in bianco, che provano a sfruttare la tattica del portiere di movimento - nell'occasione Pozzi, uno degli assi della squadra - per mettere sotto le avversarie. La Bocconi soffre nei primi minuti, ma cerca la porta da qualsiasi posizione non appena riesce a recuperare palla; le bianche mantengono il pallino, senza tuttavia trovare buone trame.

Proprio quando il pressing arancio inizia a sortire più effetto, Bicocca trova il gol che apre le danze: palla non trattenuta da Grasso e Dinatale è scaltra ad approfittarne. Le ragazze di Matteucci vanno vicinissime al gol in due occasioni, ma il pareggio è solo rimandato perché è Marker, da metà campo, a centrare finalmente la porta rimasta ancora sguarnita. A poco più di cinque minuti dall'intervallo iniziano i fuochi d'artificio, assolute protagoniste le numero 11: a un gol facile di Palopoli risponde immediatamente la leader bocconiana Guerzoni con un bel tiro dalla trequarti, ma dopo due minuti Palopoli fa ancora meglio con un destro secco dalla distanza che si insacca all'angolino. Sembra chiudersi il sipario sul primo atto, ma allo scadere arriva l'ingenuità della Bicocca, che perde palla in difesa e regala all'attacco avversario un tiro a porta vuota, su cui Gabba, ultimo ostacolo al pareggio, istintivamente para senza averne diritto: cartellino rosso per lei e rigore. Pessina non sbaglia ed è 3-3.

2° tempo: mister Marchesi torna dunque al portiere fisso, "liberando" Pozzi e spostando Lofoco in porta. L'inerzia è però totalmente dalla parte delle ragazze in arancio, che colpiscono subito grazie a una conclusione di Branz su cui il nuovo portiere arriva male. La Bocconi domina e si costruisce almeno tre limpide occasioni per ipotecare la gara, ma Branz e Marker peccano di imprecisione. Sono le fasi cruciali della gara e a dare una sferzata alle sue è proprio Lofoco, che riscatta l'errore precedente con un intervento di piede da vero portiere futsal che vale quanto un gol; gol che arriva immediatamente, quando, a metà tempo, Dinatale trova il 4 pari sorprendendo Grasso con un destro incrociato imprevedibile dalla linea laterale. Bocconi non molla, Pessina sfrutta un buco difensivo e la sua incursione dalla difesa culmina con un dribbling di suola all'ultimo difensore e la palla sotto le gambe del portiere.

Il vantaggio dura tuttavia pochissimo, ed è soprattutto l'ultimo per le arancioni; la Bicocca prima sfrutta un altro errore dell'estremo difensore su conclusione di Dinatale, poi passa in vantaggio, a 8 minuti dal termine, con una bomba di Palopoli da centrocampo, concretizzando una rimonta che taglia le gambe alle bocconiane, a cui non basta un ultimo sussulto. Arriva invece il punto esclamativo sulla vittoria bianca, a metterlo la solita Dinatale, che se ne va in contropiede, supera con eleganza l'ultima avversaria, si accentra e insacca di sinistro: gran gol e partita chiusa.


 

LE MIGLIORI

Bicocca - Chiara Dinatale, voto 8,5: goleador di serata con quattro reti, mette il punto esclamativo alla sua prova, nel finale, con la pregevole serpentina chiusa in rete.

Bocconi - Kinsey Marker, voto 8: ottima prova dell'attaccante americana, soprattutto nel primo tempo, quando si crea tante occasioni e apre le marcature per le arancio.

 

VOCI DAL CAMPO

Barbara Lofoco, giocatrice Bicocca (1° t in campo, 2° in porta): "Abbiamo fatto una buona partita, provando come nell'ultima uscita la tattica del portiere in movimento che è andata molto bene. Abbiamo sbagliato un po' mentalmente, rischiato anche, ma se non si rischia non si vince. Ora andiamo a recuperare i punti persi durante il campionato!".

Ester Guerzoni, capitano Bocconi: "C'è un po' di amarezza perché perdere alla fine dopo essere state sopra per due volte brucia. Nel primo tempo ci hanno un po' spiazzato ma siamo state brave a lasciare pochi spazi. Nel secondo abbiamo invece pagato qualche errore di troppo in attacco e difesa. Nessun rimpianto comunque, siamo contente e chiudiamo una stagione degna di nota, che ci fa proseguire nel percorso di crescita cominciato due anni fa".

Roberto Marchesi, allenatore Bicocca: "Non sono molto contento della prestazione e mi dispiace per l'espulsione presa. Ho provato a destrutturare il gioco con la mossa del portiere libero, mancando la nostra giocatrice di ruolo, ma su un campo ristretto come questo è difficile sfruttare questa tattica; in più loro erano molto ben messe in campo e ci hanno messo in difficoltà".

Roberto Matteucci, allenatore/dirigente Bocconi: "Partita bella, molto emozionante e anche particolare per via della loro tattica, che non avevamo mai affrontato. Loro comunque hanno meritato, anche perché avevano solo sei giocatrici e senza portiere di ruolo, hanno sfruttato bene gli episodi su cui era logico che si decidesse una partita così equilibrata fino all'ultimo. Anche quest'anno è stata une bella esperienza".